Version 1.1 of the definition has been released. Please help updating it, contribute translations, and help us with the design of logos and buttons to identify free cultural works and licenses!

Definition/It

From Definition of Free Cultural Works
Revision as of 15:26, 31 March 2007 by Snowdog (talk | contribs) (translation)
Jump to navigation Jump to search

Versione stabile
Questa è la versione stabile 1.0 della definizione. Il numero di versione verrà aggiornato con lo sviluppo della definizione. La versione modificabile della definizione si trova su Definition/Unstable. Si veda authoring process per maggiori informazioni, e translations se vuoi contribuire a una versione in una lingua differente.

Riassunto

Questo documento definisce le "Opere Culturali Libere" ("Free Cultural Works") come opere o espressioni che possono essere liberamente studiate, utilizzate, copiate e/o modificate da chiunque, per qualsiasi scopo. Esso inoltre descrive determinate restrizioni permesse, che rispettano o proteggono queste libertà essenziali. La definizione distingue tra opere libere e licenze libere che possono essere usate per proteggere legalmente lo status di un'opera libera. La definizione in se non è una licenza; è uno strumento per determinare se un opera o licenza possa essere considerata "libera".

Preambolo

I progressi sociali e tecnologici rendono possibile a una crescente parte dell'umanità di accedere, creare, modificare, pubblicare e distribuire vari tipi di opere - opere d'arte, materiali scientifici ed educativi, software, articoli - in breve: tutto ciò che può essere rappresentato in forma digitale. Molte comunità si sono formate per esercitare queste nuove possibilità e creare un'abondanza di opere collettivamente riutilizzabili.

Molti autori, qualunque sia il loro campo di attività, qualunque sia il loro status dilettantistico o professionale, hanno un genuino interesse nel favorire un ecosistema in cui le opere possano essere diffuse, riutilizzate e derivate in modo creativo. Più facile è riutilizzare e derivare opere, più ricca diventa la nostra cultura.

Per assicurare il buon funzionamento di questo ecosistema, le opere autorali devono essere libere, e per libertà intendiamo:

  • la libertà di usare l'opera e di goderne i benefici derivanti dall'uso
  • la libertà di studiare l'opera e di impiegare la conoscenza acquisita da essa
  • la libertà di creare e ridistribuire copie, in tutto o in parte, dell'informazione o espressione
  • la libertà di fare modifiche e miglioramenti, e di distribuire opere derivate

Queste libertà devono essere disponibili a chiunque, ovunque e in qualsiasi momento. Esse non devono essere limitate dal contesto in cui l'opera viene usata. La creatività è l'atto di usare una risorsa esistente in un modo che non era stato concepito prima.

In molte nazioni comunque, queste libertà non sono attuate, ma soppresse da leggi comunemente chiamate leggi sul copyright. Queste considerano gli autori come creatori divini e danno loro un monopolio esclusivo su come il "loro contenuto" possa essere riutilizzato. Questo monopolio ostacola il fiorire della cultura, e non aiuta nemmeno tanto la situazione economica degli autori, in quanto protegge il modello di business delle più potenti società editrici.

A dispetto di queste leggi, gli autori possono rendere libere le loro opere scegliendo tra una vasta gamma di documenti legali noti come licenze libere. Per un autore, scegliere di porre la sua opera sotto una licenza libera non significa la perdita di tutti i suoi diritti, ma da a chiunque le libertà opra citate.

È importante che qualsiasi opera sostenga di essere libera fornisca, praticamente e senza alcun rischio, le suddette libertà. Questo è il motivo per cui noi di seguito diamo una precisa definizione di libertà per le licenze e per le opere autorali.

Identificare le Opere Culturali Libere

Questa è la Definizione di Opere Culturali Libere, e quando descrivete il vostro lavoro, vi incoraggiamo a fare riferimento a questa definizione, cme ad esempio in, "Questa è una opera liberamente licenziata, come spieganto nella Definizione di Opere Culturali Libere". Se non vi piace il termine "Opere Culturali Libere", potete usare il termine generico "Contenuto Libero", o fare invece riferimento a uno dei movimenti esistenti che esrimono libertà simili in contesti più specifici. Vi incoraggiamo inoltre a usare i Loghi e i bottoni Free Cultural Works, che sono nel pubblico dominio.

Per favore, tenete presente che tale identificazione non conferisce realmente i diritti descritti in questa definizione; perché la vostra opera sia veramente libera, deve usare una delle Free Culture Licenses o essere nel pubblico dominio.

Vi scoraggiamo dall'usare altri termini per identificare le Opere Culturali Libere, che non comunichino una chiara definizione di libertà, come "Contenuto Aperto" e "Accesso Aperto". Questi termini sono spesso usati per fare riferimento a contenuti disponibili in termini "meno restrittivi" di quelli delle esistenti leggi sul copyright, o anche per opere che sono semplicemente "disponibili sul Web".

Definire le Free Culture Licenses

Le licenze sono strumenti legali attraverso i quali i possessori di determinati diritti legali possono trasferire tali diritti a terze parti. Le Free Culture Licenses non portano via alcun diritto -- la loro accettazione è sempre facoltativa, e se accettate, esse garantiscono libertà che le leggi sul copyright da sole non possono fornire. Quando accettate, non limitano o riducono mai le esenzioni esistenti nelle leggi sul copyright.

Libertà essenziali

Perché venga riconosciuta come "libera" in base a questa definizione, una licenza deve garantire le seguenti libertà senza limitazioni:

  • La libertà di usare e rappresentare l'opera: al licenziatario deve essere permesso di poter fare qualsiasi uso, privato o pubblico, dell'opera. Per le tipologie di opera dove ciò è rilevante, questa libertà deve comprendere tutti gli usi derivati ("diritti correlati") come la rappresentazione o interpretazione dell'opera. Non deve esserci alcuna eccezione riguardante, ad esempio, considerazioni politiche o religiose.
  • La libertà di studiare l'opera e impiegare le informazioni: al licenziatario deve essere permesso di esaminare l'opera e di usare la conoscenza ottenuta da essa in qualsiasi modo. La licenza non può, ad esempio, limitare il "reverse engineering".
  • La libertà di redistribuire copie: le copie possono essere vendute, scambiate o cedute gratuitamente, come parte di un'opera più grande, una raccolta, o indipendentemente. Non devono esserci limiti al quantitativo di informazione che può essere copiato. Non deve inoltre esserci alcuni limite su chi possa copiare l'informazione o su dove l'informazione possa essere copiata.
  • La libertà di distribuire opere derivate: al fine di dare a chiunque la possibilità di fare miglioramenti ad un'opera, la licenza non deve limitare la libertà di distribuire una versione modificata (o, per opere fisiche, un'opera in qualche modo derivata dall'originale), indipendentemente dall'intento e scopo di tali modifiche. Ad ogni modo, alcune restrizioni possono essere applicate per proteggere queste libertà essenziali o l'attribuzione degli autori (si veda sotto).

Restrizioni ammissibili

Non tutte le restrizioni sull'uso o distribuzione delle opere ostacola libertà essenziali. In particolare, requisiti per l'attribuzione, la collaborazione simmetrica (ovvero il "copyleft"), e per la protezione delle libertà essenziali sono considerati restrizioni ammissibili.

Definire le Opere Culturali Libere

Perché venga considerata libera, un'opera deve essere coperta da una Free Culture License, o il suo status legale deve fornire le stesse libertà essenziali elencate in precedenza. It is not, however, a sufficient condition. Indeed, a specific work may be non-free in other ways that restrict the essential freedoms. These are the additional conditions in order for a work to be considered free:

  • Availability of source data: Where a final work has been obtained through the compilation or processing of a source file or multiple source files, all underlying source data should be available alongside the work itself under the same conditions. This can be the score of a musical composition, the models used in a 3D scene, the data of a scientific publication, the source code of a computer application, or any other such information.
  • Use of a free format: For digital files, the format in which the work is made available should not be protected by patents, unless a world-wide, unlimited and irrevocable royalty-free grant is given to make use of the patented technology. While non-free formats may sometimes be used for practical reasons, a free format copy must be available for the work to be considered free.
  • No technical restrictions: The work must be available in a form where no technical measures are used to limit the freedoms enumerated above.
  • No other restrictions or limitations: The work itself must not be covered by legal restrictions (patents, contracts, etc.) or limitations (such as privacy rights) which would impede the freedoms enumerated above. A work may make use of existing legal exemptions to copyright (in order to cite copyrighted works), though only the portions of it which are unambiguously free constitute a free work.

In other words, whenever the user of a work cannot legally or practically exercise his or her basic freedoms, the work cannot be considered and should not be called "free."

Ulteriori letture

  • Si veda Licenses per una discussione delle singole licenze, e se queste soddisfino o meno la definizione.
  • Si veda History per riconoscimenti e retroscena relativi a questa definizione.
  • Si veda la FAQ per alcune domande e rsposte.
  • Si veda Portal:Index per pagine specifice sull'argomento delle Opere Culturali Libere.

Processo di revisione

Nuove versioni di questa definizione devono essere rilasciate nonappena un consenso (ottenuto direttamente o attraverso il voto, as per the authoring process) si sia sviluppato attorno ai cambiamenti suggeriti. La numerazion deve essere 0.x per le bozze iniziali, 1.x, 2.x .. per le versioni principali, x.1, x.2 .. per le versioni minori. Una versione minore si ha quando il testo viene modificato in modo da non avere un impatto sulla portata delle licenze esistenti o ipotetiche coperte da questa definizione.